C’è canna e canna

di Sergio Farina

Nell’avvicinarsi al mondo del feeder fishing uno dei pericoli maggiori è quello di incappare nella famosa “Sindrome di Fantozzi”. Il celeberrimo ragioniere, nell’approcciare una qualsiasi attività sportiva, era solito munirsi di tutto punto, dalla A alla Z, firmando chili di cambiali per comperare una infinità di attrezzatura che nel breve termine si rivelava completamente inutile ed inadatta ai propri scopi. Famosa una salassata in un negozio di attrezzatura da sci magistralmente descritta nel libro “Il secondo tragico Fantozzi”. In assenza di un tutor che possa guidare ad un acquisto ragionato ci si affida a quanto si legge sui social e magari si incappa fra le grinfie di un astuto commerciante o peggio di un venditore privato, che di feeder capisce poco e vuole solo ottimizzare una vendita incassando il massimo o liberandosi di fondi di magazzino. Uno dei dubbi più grossi riguarda l’acquisto della canna.

Continua a leggere l’articolo sull’ultimo numero di CORRENTI!