Assassin Ant

di Mauro Pitorri

Con l’arrivo della bella stagione i corsi d’acqua stabilizzano il loro livello idrico e le rive si “vestono“ di una vegetazione lussureggiante. Questa periodica condizione ambientale, mette in “moto” alcune specie di insetti terrestri come:  formiche, api, vespe, cavallette, farfalle che pur non essendo strettamente legati per la loro metamorfosi all’acqua, è per loro inevitabilmente fonte di vita o di morte.
Il pescatore con la mosca artificiale genericamente, per etica, luogo comune o per priorità tende a considerare le effimere, i tricotteri e i plecotteri come  gruppo di insetti unici ed indispensabili da imitare, lasciando molto indietro tutto il “drappello” degli insetti terrestri, limitandone l’utilizzo in casi sporadici.

Continua a leggere l’articolo sull’ultimo numero di CORRENTI!