Extrema Ratio

di Cristian Magnani.

Estate, caldo, acqua bassa, trasparente e praticamente ferma, uno scenario familiare a chi frequenta i piccoli corsi d’acqua.
Arriviamo sul fiume e scorgiamo diversi grossi cavedani nuotare tranquilli, nell’acqua limpida. Gasatissimi, pregustando già una bella pescata, lanciamo in acqua una piccola manciata di bigattini. Purtroppo ci accorgiamo immediatamente che i pesci non si mostrano particolarmente interessati: non si precipitano a ghermire le larve e non vanno in competizione  alimentare tra di loro. Proviamo a pescarli  a vista, con finali sottilissimi e ami microscopici ma la nostra esca, le rare volte che riesce ad attirare l’attenzione di uno di quei grossi pesci, viene quasi immancabilmente rifiutata.
Arriviamo sul fiume e scorgiamo diversi grossi cavedani nuotare tranquilli, nell’acqua limpida. Gasatissimi, pregustando già una bella pescata, lanciamo in acqua una piccola manciata di bigattini. Purtroppo ci accorgiamo immediatamente che i pesci non si mostrano particolarmente interessati: non si precipitano a ghermire le larve e non vanno in competizione  alimentare tra di loro. Proviamo a pescarli  a vista, con finali sottilissimi e ami microscopici ma la nostra esca, le rare volte che riesce ad attirare l’attenzione di uno di quei grossi pesci, viene quasi immancabilmente rifiutata.

Continua a leggere l’articolo nell’ultimo numero di CORRENTI!