Muggini & Co

di Francesco Benedetti

Una delle prede più comuni dei pescatori che frequentano spot come le foci, i porti e le coste italiane, scogliere comprese, è il cefalo. Si tratta di una specie eurialina, che sopporta molto bene anche importanti variazioni di salinità, per cui possiamo trovarla nei fiumi anche a molti chilometri dal mare. Croce e delizia dei pescasportivi il cefalo, o muggine, si prodiga in vigorose fughe una volta allamato e questo fa sì che sia uno dei pesci che maggiormente viene insidiato con le tecniche più disparate: ci potrà capitare infatti di vederlo pescare a bolognese, con la canna fissa, a roubasienne, ma anche a mosca a fondo ed a feeder.

Continua a leggere l’articolo sul numero di settembre di CORRENTI.