Il posto nuovo

di Massimo Zelli

Spesso ci preuccupiamo di come affinare la tecnica alla ricerca di pesci che conosciamo bene perché, pur pescandoli da una vita, non li conosciamo mai abbastanza. Dietro un’affermazione del genere si nasconde il fascino stesso del pescare. Non vi sono ragioni logiche e razionali per dire il contrario. Altre volte ci prepariamo all’approccio di un campo gara o di un fiume mai affrontato: seguiamo le indicazioni di altri pescatori, di amici, dei negozianti di zona. 
Fa molto “anni che furono” quest’approccio ed è quello che in assoluto preferisco. Le telefonate improvvisate la sera all’amico che abita a 3 passi dal fiume sono un dejavu.  L’odore di automobile lanciata in autostrada con 3 pescatori a bordo e carica di attrezzatura oltre i limiti del buon senso, per un secondo mi torna in mente e mi strappa un sorriso.

Continua a leggere l’articolo sul numero di settembre di CORRENTI.