Sagome in superficie

Con l’arrivo della buona stagione, i cavedani tendono a salire a galla per nutrirsi negli strati d’acqua più superficiali e non è difficile nelle giornate soleggiate, vederli nuotare sotto il pelo dell’acqua.
Questo comportamento, istintivo e naturale, viene anche indotto quando stiamo pasturando con i bigattini, a patto di non lanciarne una quantità eccessiva. Avviene che i cavedani salgono dal fondo e intercettano i bigattini appena caduti in acqua. A chi non è mai capitato di lanciare una manciata di cagnotti in acqua e di vedere apparire delle grandi ombre scure, pronte ad aspirare in pochi secondi il cibo gettato?

Continua la lettura dell’articolo sul numero di Maggio di CORRENTI